Una settimana positiva…

11988345_10207680911726239_1602236106359906224_n

Vicenza, 5 settembre 2015

Buon sabato a tutte e a tutti!

Nonostante la pioggia, spero che possiate godervi un buon weekend! Per quel che mi riguarda la settimana è andata bene. Ho ripreso, finalmente, dopo cinque mesi a lavorare (anche se a ritmi molto blandi), ma tornare in ufficio mi ha fatto decisamente bene. Ritrovare le mie splendide colleghe (eccomi con loro nella foto) dopo mesi e potermi nuovamente immergere in ciò che amo sicuramente ha ulteriormente sollevato il mio morale! Siamo pieni di progetti da portare avanti e, dunque, sono carico e pronto per svilupparli e realizzarli al meglio.

Mercoledì è passata a salutarmi Maria Pia con sua figlia. Sono due persone davvero splendide con cui ho amabilmente conversato per una mezzora. Maria Pia mi ha fatto dono di una sua Kombucha. Se non sapete cosa sia vi invito ad andare a trovare notizie. Giovedì ho avuto la visita in ospedale con il mitico dott. Di Bona. Il midollo ha fatto il bravo e i valori si sono rialzati ulteriormente. Ora la speranza è che continui a fare il suo lavoro! Il prossimo controllo lo avrò il 12 ottobre. In day hospital ho incontrato Davide e Stefano con Sabrina che ho trovato entrambi bene e ho avuto il piacere di salutare altre persone che in questo cammino mi hanno manifestato la loro solidarietà (un in bocca al lupo speciale a Pierandrea e al papà di Helga). Ieri pomeriggio sono andato dal prof. Pedrotti (grazie sempre a Maria Pia per la segnalazione) per farmi vedere gli occhi. Le emoraggiole si stanno pian piano asciugando. Il dottore mi ha detto di pazientare ancora e tra qualche mese tornerò a vedere bene. Purtroppo, però, la malattia mi ha fatto perdere un’altra diottria. Adesso ho -7,50 da entrambi gli occhi (una bella miopia!!!). Sono andato, poi, subito all’ottica 2000 da Carlo (che ringrazio ancora per essere venuto in ospedale a maggio con gli occhiali nuovi) ad ordinare le lenti nuove e a prendere le lenti a contatto di una giusta gradazione. Mi sono trovato molto bene dal prof. Pedrotti. Mi ha visitato e soprattutto mi ha spiegato bene la situazione degli occhi. Sono felice che la retina e la cornea (a parte queste piccole emoraggiole che si asciugheranno appunto) non abbiano subito danni.
Dunque, contento del risultato della visita ho deciso alla sera, dopo cinque mesi, di concedermi uno strappo alla regola ed ho mangiato dell’ottimo sushi! Ne avevo tanta voglia e ieri sera l’ho soddisfatta alla grande Emoticon tongue

Oggi pomeriggio penso che andrò in reparto a salutare Daniel e a restituirgli un libro che mi ha prestato. Sarà l’occasione, sicuramente, anche per salutare qualche infermiere.

In questi giorni spesso mi si palesa nella mente l’immagine del bimbo morto sulla spiaggia. Lo penso e mi sento ancora più fortunato. E la mia non è retorica. Ma io, fino ad oggi, nonostante la malattia mi posso sentire un privilegiato per tanti motivi. Per il luogo in cui sono nato, per la famiglia che ho avuto e che ho creato con Elisabetta, per i tanti amici preziosi che ho, per lo splendido lavoro…e invece quella povera innocente creatura non ha avuto il tempo di coltivare e realizzare i propri sogni perché vittima di un mondo malato. E storie come quella ce ne sono, ahimé, tantissime. Penso a quella persona che ha raccolto quel corpicino esamine. E mi ci rivedo. Perché di quella vittima innocente, come di tutte le vittime innocenti, ci dobbiamo sentire un po’ tutti responsabili… la colpa dove sta? Alcuni ritengono sia dei genitori che hanno liberamente messo in pericolo la vita di quel bambino, altri pensano sia degli americani che hanno portato in quei luoghi guerre, massacri, miseria…io credo che le responsabilità siano di tutti. Non ce n’è una in particolare. La cosa di cui sono certo è il mio disprezzo nei confronti delle guerre.

E parlando di bambini spero presto di rivedere dopo cinque mesi i miei amatissimi nipotini Cecilia e Giovanni! Non li vedo da aprile e mi mancano terribilmente. In questi mesi abbiamo preferito tenerli all’oscuro della mia malattia per non turbarli. Io mi sono fatto vivo con loro tramite telefonata e due video, dicendo loro che ero via per lavoro. Ma adesso che sto meglio e le difese immunitarie me lo consentono, li riabbraccerò con tanta gioia e tanto amore.

Chiudo ringraziandovi per tutto l’affetto che mi continuate a manifestare e vi auguro di trascorrere un bel weekend: mi raccomando godetevi questi due giorni facendo le cose che vi piacciono e vi fanno star bene pensando esclusivamente al QUI e ORA!

Un abbraccio,

Vostro,

Sandro

 

Annunci
Articolo successivo
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: