Riflessioni ospedaliere..

11139358_10206852989308696_5508133430830023054_n

Vicenza, 22 maggio 2015

Buon venerdì a tutte e a tutti!
Sono rientrato in ospedale martedì mattina e dopo i controlli di routine ho iniziato ieri il secondo ciclo di terapie (chemio più altri farmaci) di consolidamento secondo lo schema AIDA. Terminerò domenica e poi dovrò stare due settimane in ospedale per aspettare che termini la fase di aplasia e che i valori del sangue ricomincino a salire. Essendo la musica il mio mondo, sono felice del nome della terapia che sto facendo! (Sperando solo che il finale sia diverso :-))
Quindi, prime considerazione a ruota libera: il 31 maggio esprimerò il mio voto direttamente qui in reparto e invito tutti ad andare a votare. E se qualcuno di voi non sapesse chi votare, vada lo stesso ad espletare il proprio dovere di cittadino e, al massimo, lasci la scheda bianca. Votare è un diritto, ma appunto anche un dovere. Invece il 6 giugno faccio gli scongiuri di essere a casa (anche se non sono passate le due settimane) per vedere la finale di Champions. Se no, pazienza la guarderò qui…
Ieri, oltre ad iniziare le terapie, ho avuto due piccoli interventini ambulatoriali solamente poco fastidiosi. Al mattino il dott. Visco mi ha fatto la rachicentesi (una puntura lombare tra le vertebre) per raccogliere un campione di liquido cerebrospinale e per iniettarmi un altro liquido che credo serva a proteggere il cervello (questo è quello che ho capito, ma potrei aver scritto delle fesserie). Dopo l’intervento sono dovuto stare fermo immobile per due ore in posizione supina per evitare effetti collaterali. In quelle due ore ho dormito e ascoltato la testimonianza di Enrico Perillo di cui vi parlerò dopo. Alla fine delle due ore ho pranzato e poi alle 13.45 mi hanno portato in sala operatoria per inserirmi il Groshong che è un tipo di catetere venoso centrale. Al mio arrivo in sala una bella sorpresa! Ho trovato Francesca Trivellato una cara amica che conosco fin dai tempi dell’asilo nido che ha assistito il dott. Pellegrin nell’inserimento del catetere. Me lo ha posizionato sotto la clavicola, nella vena succlavia sinistra. Il tutto è avvenuto in breve tempo. Ringrazio il dottore per la professionalità e Francesca per la premura e l’affetto (che lei ha sempre avuto!) che ha avuto nei miei confronti a cui faccio gli auguri di buon compleanno per oggi! Sono stato poi portato a fare una radiografia al torace per vedere che il posizionamento del catetere non desse problemi e per la valutazione dei polmoni (ancora qualche residuo di catarro c’è, ma il grosso della polmonite è andato).
Tornato in stanza ho messo del ghiaccio e poi mi hanno fatto la prima medicazione. È stata, quindi, una giornata intensa, ma diversa dalle solite.
Martedì quando sono rientrato in ospedale ho ricevuto la consueta visita del primario, dott.Rodeghiero e del dott. Ruggeri, viceprimario, entrambe persone eccezionali e straordinari maestri nell’esercizio della loro professione. Alla fine del colloquio, ridendo, il primario mi ha detto che devo limitarmi a fare il paziente e non il dottore, perché il reparto ne ha già di ottimi. Me l’ ha detto molto bonariamente ed in virtù del fatto che talune volte, quando il mio corpo reagisce in maniera strana e diversa da ciò che io considero “normale”, mi faccio delle autodiagnosi – ovviamente sballatissime – che mi intimoriscono. La mia curiosità, quindi, mi porta subito a cercare una “diagnosi” su google, inserendo i sintomi che avverto. Non so se avete mai provato. È inquietante!!!! Soprattutto perché Google ti offre subito le soluzioni più drammatiche. Se per esempio hai tosse, raffreddore, febbre e voce roca e li digiti su google “cerca” non ti mette come primi risultati ‘influenza”, “faringite”, ma , ma “broncopolmonite”, “tumore al polmone”, “tubercolosi” mettendoti in un ulteriore stato di agitazione. Allora è sicuramente meglio lasciar stare le ricerche su Google facendo i medici alla Guido Tersilli (vediamo chi riconosce la citazione!) Se no si fa accrescere il proprio lato ipocondriaco che è meglio resti confinato in questo periodo! Ci siamo quindi fatti delle belle risate che mi sono servite a capire che devo continuare a combattere come un leone, con grinta e determinazione, facendo però esclusivamente il paziente Emoticon smile
Scrivevo sopra di aver ascoltato la testimonianza di Enrico Perillo. È il marito di Chiara Corbella, ragazza straordinaria che è salita in cielo il 13 giugno del 2012 per un tumore a soli 28 anni. È una storia d’Amore e di Fede straordinaria. Io mi auguro che questa ragazza presto sia fatta beata perché, nonostante le tante difficoltà incontrate nel suo cammino, ha sempre scelto, assieme al marito, la vita e l’amore.
Se avete voglia di conoscere la sua storia potete visitare il suo sito:www.chiaracorbellaperillo.it o andare su YouTube e guardare alcuni video che la riguardano e/o alcune sue testimonianze. Ripeto, sono scelte di vita molto nette, senza compromessi, guidate da una forte Fede ed un grande Amore per la vita. Ve ne segnalo uno, tra i tanti: http://youtu.be/7ZuRqxiaH6M
Ecco, mi sembra di aver scritto già tantissimo e quindi non vi tedio ulteriormente.
Io vado avanti con forza, determinazione ed energia sempre sorretto dall’Amore (e per chi ha Fede dalle preghiere) di mia moglie, dei miei familiari, dei tanti amici e conoscenti e di molte persone che non conosco personalmente, ma che mi manifestano un affetto incredibile che mi commuove.
La battaglia è tosta, ma il Pupillo non è da meno! Quindi avanti tutta con Fede/Fidcuia, Soeranza, Anore è un pizzico di fortuna che non guasta sicuramente!!!!
Vi abbraccio forte tutti.
Vostro,


Sandro

Annunci
Articolo precedente
Articolo successivo
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: