Arrivederci, guerriero Daniel!

12118942_10207946710451041_7565349541168490744_n

Vicenza, 15 ottobre 2015

Carissime/i tutte/i

eccomi a voi con un nuovo aggiornamento dopo un po’ di tempo (mi vedete qui in foto con il mio amatissimo gattone Poulenc).

Purtroppo devo iniziare questo post con una bruttissima notizia. Daniel, il mio compagno di stanza durante il mio terzo ricovero, è mancato lunedì. Con Daniel, come vi raccontavo in un post precedente, ho avuto la fortuna di condividere gli ultimi giorni del mio terzo ricovero ai primi di luglio. Qualche giorno in stanza assieme e subito era nata una bella amicizia. Daniel era un signore ungherese di 52 anni, da anni in Italia, molto simpatico ed estroverso. Era affetto anche lui da una forma acuta di leucemia che, pare, stesse superando bene. Invece, purtroppo, dopo il secondo ciclo di consolidamento, una volta uscito dall’ospedale, ha cominciato a stare male, finché purtroppo è morto lunedì. Ci eravamo sentiti venerdì scorso e mi diceva di non sentirsi affatto bene, ma mai avrei immagino potesse andarsene in così poco tempo. Per me è stato un brutto colpo perché a luglio era mancato un altro mio compagno di stanza, Maurizio, al quale ero molto affezionato e quindi, perderne due in pochi mesi, è davvero molto triste. Martedì ho sentito la moglie di Daniel, la signora Anca, alla quale ho promesso di portare vittoriosamente a termine la mia battaglia, per lui, per Maurizio, per Francesco…Grazie, caro Daniel, per tutti i preziosi consigli che mi hai dato, per la grinta che mi hai trasmesso e perché mi hai fatto capire quanto sia importante il “qui e ora”.

Lunedì sono stato in day hospital per la visita di controllo. I valori ematici erano buoni per cui il dott. Di Bona, con il quale il rapporto medico/paziente è davvero molto buono, mi ha detto di potermi togliere definitivamente sia la mascherina che il groshong (il catetere venoso centrale). Mi ha anche fatto il prelievo del midollo e sono in attesa dei risultati! Mercoledì sono tornato in ospedale per la rimozione del catetere. E’ stata una operazione molto semplice e praticamente indolore. Adesso ho due punti sotto la scapola sinistra (poco sotto l’arteria succlavia) che toglierò la settimana prossima e poi potrò ricominciare, pian piano, anche a fare attività fisica. Mi piacerebbe riprendere a nuotare e, magari tra qualche mese, ricominciare anche con i calcetti settimanali che tanto mi mancano! Mercoledì in ospedale ho avuto il piacere di salutare anche il dott. Borghero ed il dott. Visco, entrambi medici con i quali si è creato un rapporto affettivo per me prezioso. La loro umanità e la loro professionalità è stata fondamentale nei duri giorni di ricovero e quindi, poterli salutare e stringerli la mano è per me anche un doveroso segno di gratitudine che avrò per sempre nei loro confronti. E non smetterò mai di dire e di scrivere che il reparto di ematologia è un fiore all’occhiello della nostra Città e molto lo si deve alla qualità dello staff medico ed infermieristico, all’eccellente lavoro del personale ausiliario e volontario e, ovviamente, alla bravura del Primario, il prof. Rodeghiero, che in questi anni ha lavorato assai bene. Io spero nei prossimi mesi di riuscire ad organizzare un bel concerto di beneficenza a favore della Fondazione di Ematologia come piccolo segno di riconoscenza verso di loro e verso la ricerca. Donare i soldi nella ricerca vuol dire dare la possibilità di fare importanti passi avanti nella lotta contro questa terribili malattie che oggi, grazie appunto ai passi in avanti compiuti dalla medicina, sono curabili.

Al lavoro ho ripreso quasi a regime pieno. Stiamo lavorando ad importanti nuovi progetti (di cui presto vi parlerò!) e ultimando la Campagna Abbonamenti: il 26 ottobre inaugureremo la nostra 106° stagione concertistica con l’eccellente pianista Benedetto Lupo al Teatro Comunale di Vicenza. Ho ripreso anche l’attività politica e proprio ora sto andando, per la seconda volta, dopo la malattia, in Sala Bernarda: una grande emozione come sempre! Il Consiglio Comunale di oggi verterà sulla discussione delle interrogazioni rimaste senza risposta fino ad oggi.

Chiudo questo post con un ringraziamento a voi tutti. Pian piano sto riabbracciando tutte le persone che in questi mesi mi sono state vicine e molte le sto conoscendo. L’affetto è sempre enorme e questa energia che mi viene trasmessa mi dà tanta carica e tanta forza!

Vi lascio con una breve poesia di “Brunus” augurandogli di aver trovato ora la giusta corrente e dedicandola a Daniel e a Maurizio.

Il canto del salmone

Risalendo il fiume
controcorrente
per istinto di sopravvivenza
per capirsi
e fare memoria del viaggio esistenziale:

dal fare per essere
all’essere per fare.

Annunci
Articolo precedente
Articolo successivo
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: